Mostra Biblica

I          N          T          E          R          A          T          T          I          V          A

GIANDOMENICO TIEPOLO
(Venezia, 1727 - 1804)

Pittore italiano. Figlio di Giambattista, la sua attività è caratterizzata dall'alternarsi di momenti in cui l'influsso paterno appare condizionante e di risultati che ne mettono a frutto l'esperienza con sensibilità originalissima. Attivo nella bottega del padre, tuttavia se ne stacca fin dal giovanile Consilium in Arena (1750; Udine, Museo Civico) per una più vivace aderenza alla vita e alla storia e per un tono narrativo spigliato e terrestre. Opera dal 1750 a Würzburg, dove dipinge alcuni sopraporta e tele di brillante impostazione cromatica; al suo ritorno in patria esegue gli affreschi per la chiesa dei SS. Faustino e Giovita a Brescia (1754-55) che segnano purtroppo il suo rientro nell'ambito dell'accademismo familiare e la sua opera decade. Nella Villa Valmarana ai Nani, presso Vicenza, con gli affreschi della foresteria, ispirati a scene di vita signorile e contadina in campagna, l'artista matura un linguaggio sintetico e sobrio, caratterizzato dall'osservazione ironica e dalla narrazione piana ma arguta. Mentre la sua attività confluisce in quella paterna nelle grandi imprese del tempo, da Palazzo Rezzonico a Madrid, al ritorno a Venezia nel 1770 Giandomenico si inserisce pigramente nell'ambiente accademico lagunare (decorazioni in Palazzo Ducale, 1784); ritroverà accenti di sincera ispirazione nei tardi affreschi di Villa Zianigo con mascherate e scene campestri (1790), analitici e caricaturali, nei quali la piacevolezza della forma e del colore, freddo e schiarito, non nasconde l'acutezza del giudizio, storico e morale, sulla società del tempo.

GIANDOMENICO TIEPOLO

(Venezia, 1727 - 1804)


Pittore italiano. Figlio di Giambattista, la sua attività è caratterizzata dall'alternarsi di momenti in cui l'influsso paterno appare condizionante e di risultati che ne mettono a frutto l'esperienza con sensibilità originalissima. Attivo nella bottega del padre, tuttavia se ne stacca fin dal giovanile Consilium in Arena (1750; Udine, Museo Civico) per una più vivace aderenza alla vita e alla storia e per un tono narrativo spigliato e terrestre. Opera dal 1750 a Würzburg, dove dipinge alcuni sopraporta e tele di brillante impostazione cromatica; al suo ritorno in patria esegue gli affreschi per la chiesa dei SS. Faustino e Giovita a Brescia (1754-55) che segnano purtroppo il suo rientro nell'ambito dell'accademismo familiare e la sua opera decade. Nella Villa Valmarana ai Nani, presso Vicenza, con gli affreschi della foresteria, ispirati a scene di vita signorile e contadina in campagna, l'artista matura un linguaggio sintetico e sobrio, caratterizzato dall'osservazione ironica e dalla narrazione piana ma arguta. Mentre la sua attività confluisce in quella paterna nelle grandi imprese del tempo, da Palazzo Rezzonico a Madrid, al ritorno a Venezia nel 1770 Giandomenico si inserisce pigramente nell'ambiente accademico lagunare (decorazioni in Palazzo Ducale, 1784); ritroverà accenti di sincera ispirazione nei tardi affreschi di Villa Zianigo con mascherate e scene campestri (1790), analitici e caricaturali, nei quali la piacevolezza della forma e del colore, freddo e schiarito, non nasconde l'acutezza del giudizio, storico e morale, sulla società del tempo.

indice illustratoiconografico03.html
HOMEHome2.htmlshapeimage_4_link_0
PERCORSO STORICOindice_percorso_storico.htmlshapeimage_5_link_0
PERCORSO BIBLIOGRAFICOshapeimage_6_link_0
PERCORSO ICONOGRAFICOindice_iconografico.htmlshapeimage_7_link_0

l a   B i b b i a . . .   l i b r o   d i   v i t a   e   d i   c u l t u r a

successivoincisori_monaco.html
indice iconograficoindice_iconografico.html
precedenteincisori_mellan.html

GIANDOMENICO TIEPOLO

(Venezia, 1727 - 1804)