Mostra Biblica

I          N          T          E          R          A          T          T          I          V          A

AGOSTINO CARRACCI
(Bologna, 1557 - Parma, 1602)

Pittore italiano. Iniziò presto la sua formazione presso le scuole di P. Fontana e di B. Passerotti. Si avvalse degli insegnamenti di D. Tibaldi e del fiammingo C. Cort per le tecniche dell'incisione. Dopo un soggiorno a Venezia (1582), dove incise opere del Veronese (l'artista veneziano che più avrà ascendenza nello sviluppo dell'arte carraccesca), Agostino definisce i caratteri della sua pittura in opposizione al manierismo: ne sono testimonianza gli affreschi di palazzo Fava a Bologna con le Storie di Giasone (1583-84) che rivelano una forte componente della pittura veneta. È questa la prima opera realizzata in comune con il fratello Annibale e il cugino Ludovico (v. le rispettive voci). Nei primi anni Ottanta a opera dei Carracci fiorisce a Bologna l'Accademia dei Desiderosi (poi degli Incamminati), che ripropone la conoscenza dei grandi maestri del Rinascimento, meditati alla luce di una rinnovata coscienza della natura e della tradizione. In questo periodo Agostino è attivo a Parma, dove nel 1586 incide opere del Correggio ed esegue la Madonna col Bambino e Santi (Parma, Galleria Nazionale), che rivela una fusione di elementi delle culture parmense e veneziana. Gli esiti di un nuovo contatto con la pittura veneta (1588-89, anni in cui l'artista incide la Crocifissione del Tintoretto) sono evidenziati nell'impianto tutto tizianesco della figura di Plutone (1592; Modena, Galleria Estense) e nell'Annunciazione (Parigi, Louvre). Di questi anni sono la Comunione di S. Gerolamo e l'Assunzione (Bologna, Pinacoteca). Dopo un soggiorno a Roma (1598-99) col fratello Annibale per lavori a palazzo Farnese, intorno al 1600 Agostino iniziava a Parma la decorazione di palazzo del Giardino di Ranuccio Farnese , opera che doveva essere interrotta poco più tardi per la morte dell'artista.

AGOSTINO CARRACCI

(Bologna, 1557 - Parma, 1602)


Pittore italiano. Iniziò presto la sua formazione presso le scuole di P. Fontana e di B. Passerotti. Si avvalse degli insegnamenti di D. Tibaldi e del fiammingo C. Cort per le tecniche dell'incisione. Dopo un soggiorno a Venezia (1582), dove incise opere del Veronese (l'artista veneziano che più avrà ascendenza nello sviluppo dell'arte carraccesca), Agostino definisce i caratteri della sua pittura in opposizione al manierismo: ne sono testimonianza gli affreschi di palazzo Fava a Bologna con le Storie di Giasone (1583-84) che rivelano una forte componente della pittura veneta. È questa la prima opera realizzata in comune con il fratello Annibale e il cugino Ludovico (v. le rispettive voci). Nei primi anni Ottanta a opera dei Carracci fiorisce a Bologna l'Accademia dei Desiderosi (poi degli Incamminati), che ripropone la conoscenza dei grandi maestri del Rinascimento, meditati alla luce di una rinnovata coscienza della natura e della tradizione. In questo periodo Agostino è attivo a Parma, dove nel 1586 incide opere del Correggio ed esegue la Madonna col Bambino e Santi (Parma, Galleria Nazionale), che rivela una fusione di elementi delle culture parmense e veneziana. Gli esiti di un nuovo contatto con la pittura veneta (1588-89, anni in cui l'artista incide la Crocifissione del Tintoretto) sono evidenziati nell'impianto tutto tizianesco della figura di Plutone (1592; Modena, Galleria Estense) e nell'Annunciazione (Parigi, Louvre). Di questi anni sono la Comunione di S. Gerolamo e l'Assunzione (Bologna, Pinacoteca). Dopo un soggiorno a Roma (1598-99) col fratello Annibale per lavori a palazzo Farnese, intorno al 1600 Agostino iniziava a Parma la decorazione di palazzo del Giardino di Ranuccio Farnese , opera che doveva essere interrotta poco più tardi per la morte dell'artista.

indice illustratoiconografico01.html
HOMEHome2.htmlshapeimage_4_link_0
PERCORSO STORICOindice_percorso_storico.htmlshapeimage_5_link_0
PERCORSO BIBLIOGRAFICOB_00_indice_bibliografico.htmlshapeimage_6_link_0
PERCORSO ICONOGRAFICOindice_iconografico.htmlshapeimage_7_link_0

l a   B i b b i a . . .   l i b r o   d i   v i t a   e   d i   c u l t u r a

successivoincisori_de_ghejn.html
indice iconograficoindice_iconografico.html
precedenteincisori_de_vos.html

AGOSTINO CARRACCI
(Bologna 1557 - Parma 1602)